img1

UNITA' NELLA DIVERSITA' 

Animati dallo Spirito, come comunità cristiane, come singoli credenti, impariamo a valorizzare le ricchezze insite nella diversità di culture e tradizioni, quelle vere ed autentiche, anche dei nostri paesi, viviamo una attenzione nuova al carisma di ciascuno. 

E' un'esigenza viva questa, per l'edificazione di realtà ecclesiali sempre più autentiche, per costruire un volto di Chiesa profondamente in comunione.

A Pentecoste i popoli sono chiamati a formare una Comunità, impossibile con la forza o la pianificazione economica e politica, ma realizzabile con la potenza interiore dello Spirito, che sviluppa nei rapporti umani la libertà e l'amore. In tal modo si capovolge la situazione creatasi con la dispersione delle lingue prodotta dalla superbia umana di volersi "fare un nome" (Gn 11,4): la Pentecoste è perciò l'anti-Babele. 

(Estratto dal libro "Volti e luoghi di una Chiesa giovane" di S.E. Gian Carlo Maria Bregantini).

Msange

Nella Valle dello Yovi

Uno si reca in Africa quasi per caso, ad accompagnare un figlio e poi ne resta catturato, tanto che quell'esperienza diventa un punto di ripartenza della propria vita. Se poi è medico e si accorge che l'assistenza sanitaria è assente e le malattie tante, comincia a porsi delle domande. Se a quelle domande tenta di darsi delle risposte, allora non c'è altro da fare che rimboccarsi le maniche e rendersi utile fin da subito. Non solo nel primo soccorso, ma in un progetto che regali la speranza di una aspettativa di vita decente per tutti. Il Dott. Gianni Donadelli ci racconta la sua prima Africa.

Guarda il Video: video1



Piccolboni

Altri Colori

La teoria è teoria, ma quando ti ritrovi nel Sudafrica dell'Apartheid, non è facile spiegare che tutti gli uomini sono uguali. Occorre crederci alla grande e perseguire questa impostazione contro ogni evidenza. "Vincere il male con il bene" è stato lo slogan con il quale gli Stimmatini sudafricani hanno affrontato gli anni più difficili. Tanto difficili da dovere piangere l'assassinio di uno di loro, padre Michele Dannucci, ma proprio durante il suo funerale il tanto seminare ha prodotto la prima mietitura. Padre Gianni Piccolboni ci racconta l'inizio della sua avventura "dall'altra parte".

Guarda il Video: video1



Officina

L'unica differenza

La testimonianza di Elio Pozza è un sincero manifesto sull'uguaglianza: "All'inizio mi sembrava...", "e invece ho scoperto..". L'unica differenza è il colore della pelle, non è poco, potremmo dire visto tutto il portato di diffidenza che la pigmentazione determina nella nostra civilissima Europa. Un uomo umile e prezioso che si occupa di lavori manuali e di officina ci spiega che, se ci sono i mezzi, se ci sono le risorse siamo tutti uguali, sia nella tecnica, sia nel lavoro, sia nella volontà di lavorare, e sia, aggiungiamo noi, nel valore inestimabile della nostra anima.

Guarda il Video: video1